Salvate il soldato Riina

Un ultraottantenne affetto da duplice neoplasia renale, con una situazione neurologica altamente compromessa che non riesce a stare seduto e con una grave cardiopatia con effetti non prevedibili deve per forza ispirare  pietà. Ma gli italiani sono strani. Noi Napoletani abbiamo delle vere difficoltà a comprenderli.  Con tutto quello che ha fatto Riina per lo Stato Italiano, un gesto di riconoscenza mi sembra d’uopo da parte loro :la dignità non è del morente, ma dello Stato che l’ha creato. Quindi fra l’ironia e la verità, diciamo che è giusto concedere al capo della Mafia una degna morte, in quanto la mafia come organizzazione è sempre stata l’alter ego dell’Italia per il Sud.

La mafia fu fondamentale sia per aiutare, sostenere e garantire  lo sbarco dei Mille a Marsala.  Fu fondamentale sia in Sicilia che a Napoli per conservare il nuove ordine politico italiano al riparo di sommosse che potevano attirare l’attenzione delle potenze coeve, pronte a liberare i Napoletani dagli Italiani invasori. La Mafia fu fondamentale nella gestione dell’emigrazione dei meridionali, tanto che molti autori e giornalisti del ‘900 hanno dimostrato che lo Stato italiano ha,  per anni ed anni,  basato il proprio bilancio statale sull’esportazione dei meridionali.

La Mafia è stata fondamentale per gli Italiani soprattutto quando lo Stato era assente. Il “vuoto” in natura non esiste e se lo Stato Italiano al Sud era onnipresente quando si trattava di prendere, era assente per tutto quello che poco gli interessava. Quel “vuoto”, fu riempito da chi?

Logicamente come in tutte le coppie o società economiche, nel corso del tempo ci sono degli “alti e bassi”, ma per noi Napoletani il risultato cambiava di poco.

Cose da italiani, difficile capirlo ma per loro è così ! Gli Italiani sono strani ed irriconoscenti. Gli italiani si dicono tutti democratici, ma guai a ricordargli che divennero democratici  grazie ad un’ennesima liberazione e che quella liberazione  fu guidata, sostenuta e cogestita anche dalla Mafia.

“La Mafia ha avuto ministri, ce lo dice la magistratura italiana. La Mafia ha avuto intere correnti di partiti di maggioranza, ce lo dice la storia della democrazia del 900, la mafia è ITALIANA,  nasce con l’Italia, morirà solo con la fine dell’Italia perchè è ciò che hanno detto i tanti eroe morti per “colpe” della Mafia.

Non ci sorprende quindi la decisione di concedere a Riina una degna e civile morte nel suo letto  circondato dagli affetti più cari. Un segno di civiltà che gli italiani devono concedere  alla loro struttura statale, alla loro storia moderna e contemporanea  e alle stesse cause  dalle quali sono nati.

Nando Dicè

Verso Sud