La questione meridionale nel pallone

Gli italiani sono dei geni: lontani dalle elezioni fanno sparire i soldi del Meridione ; sotto elezioni fanno sparire l’intera Questione Meridionale.

Al Sud vive il 34% della popolazione, ancora troppa per assecondare le logiche della globalizzazione, troppe per risolvere le questioni coloniali italiane.

L’abbiamo sempre sostenuto: un napoletano che dica “prima gli italiani” è un uomo profondamente altruista.

Prova ne è il comportamento di tutta la stampa Italiana in merito al comportamento dei tifosi bergamaschi dell’Atalanta.

Ma meno male che il “Pallone” c’è. Si perchè attraverso il calcio alcune cose diventano reali, anche la “dispersa” questione Meridionale”.

Infatti, in pieno clima di “Giornata del Ricordo” che il mondo occidentale celebra il 27 gennaio  perchè non ricordare l’omaggio che i tifosi della città dei Mille hanno triputato a Cesare Lombroso?

Si, allo scienziato che teorizzò l’inferiorità genetica dei meridionali, gli italiani dedicano uno striscione.

Ma, udite udite, quello che sentiamo in Tv è solo il rimprovero per i cori contro Koulibaly!

Che in Italia ci siano esseri umani che meritano rispetto storico ed altri la cui esistenza non è proprio prevista nei loro piani, come i Napoletani, è un’ ipotesi valida?

Così come appare ridicola  la tesi del “prima gli italiani”, così è sempre più attuale la Questione Meridionale per gli Italiani.

Ma qualcosa cambia, anche per i Napoletani, grazie al pallone: la Questione Italiana è ancora aperta.

di Nando Dicè per il Roma del 25 gennaio 2018

france

lombroso a Bergamo

lombroso a Bergamo

 

Verso Sud